19 infermieri precari licenziati all’Ospedale Sant’Eugenio Polverini intervenga ed eviti questo scempio

18 luglio 2011

19 infermieri precari licenziati all'Ospedale Sant'Eugenio Polverini intervenga ed eviti questo scempio – Comunicato stampa di Cecilia Taranto, Segretaria Nazionale Fp-Cgil e Lorenzo Mazzoli, Segretario Generale Fp-Cgil Roma e Lazio

Si sta svolgendo in queste ore una manifestazione spontanea di protesta all’ingresso dell’Ospedale Sant’Eugenio, a seguito di 19 licenziamenti
di infermieri precari.

Un fatto che avevamo previsto e denunciato in anticipo, frutto di una politica che in nome di calcoli meramente economici mette a rischio la
salute dei cittadini e servizi essenziali come le terapie intensive e il funzionamento delle camere operatorie. Una politica scellerata fatta di
diktat e tagli, che la Presidente della Regione Renata Polverini sta perseguendo senza calcolare i costi sociali e mettendo in campo una campagna mediatica mistificatrice.

Dopo le nostre proteste e l’immediata reazione dei lavoratori, il Direttore Generale della struttura ha inviato una missiva alla Regione Lazio chiedendo la sospensione dei 19 licenziamenti e di quelli ancor più pesanti già previsti per il futuro, che, qualora confermati, rappresenterebbero un ostacolo insormontabile per il regolare funzionamento di un Ospedale che già sconta una grave carenza di organico.

Oggi si iniziano a vedere i risultati di una manovra economica devastante e della sciagurata mannaia che il Governo ha scagliato contro
il lavoro e i servizi pubblici.

La salute dei cittadini dovrebbe essere messa al centro dell’agenda politica e non trattata come un costo da ridurre, un capitolo di bilancio sacrificabile in modi così sbrigativi. Chiediamo alla Presidente Polverini una risposta immediata e rinnoviamo a questi lavoratori il nostro sostegno.

Roma, 17 settembre 2010

 

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto