1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione

Io Lavoro Pubblico

 
 
Consulta On line.
 
 

 
 
Esperto risponde.
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 
Rassegna stampa.
 
Contenuto della pagina

Notizie

Lavoro: Fp Cgil, 7 comuni tra primi 200 utilizzatori, no ai voucher nella Pa


Sorrentino: "Con 2 Sì a referendum per tutelare servizi pubblici" 


Roma, 25 febbraio 2017

Sette Comuni tra i primi duecento utilizzatori di voucher, i buoni lavoro dal valore netto di 7,50 euro all'ora. È quanto risulta dai dati forniti dall'Inps alla Cgil e rielaborati dalla Funzione Pubblica, la categoria dei lavoratori dei servizi pubblici del sindacato di corso d'Italia, per accendere un faro sulle Pa che nel corso del 2016 hanno utilizzato questo strumento per remunerare prestazioni di 'lavoro accessorio'. Nell'ordine, rileva la Fp Cgil, i comuni interessati, presenti nell'elenco dei primi duecento utilizzatori di voucher, sono: Benevento (201 prestatori con voucher per una spesa complessiva di 721.510 euro nel 2016), Padova (135 prestatori per 361.330 euro), Vallo della Lucania (401 prestatori per 334.400 euro nel 2016), Vasto (73 prestatori per 266.740), Ancona (89 prestatori per 261.350 euro), Trecase (93 prestatori per 246.140 euro), Boscoreale (86 prestatori per 226.680 euro).

La Funzione Pubblica Cgil sottolinea inoltre, dai dati ricevuti dall'Inps, che "ci sono molti altri Comuni che ovviamente utilizzano i voucher ma solo guardando ai primi 200 utilizzatori in totale e solo per queste 7 amministrazioni i prestatori di lavoro accessorio sono stati 1.078 per una spesa complessiva di 2.418.150 euro nel 2016 per attività che hanno causali ricorrenti, quali manifestazioni sportive fieristiche ed eventi culturali o lavori di giardinaggio, pulizia e manutenzione dell'ente, mentre alcune risultano non classificate". Nella lista dei primi 200 figurano inoltre anche altre strutture della Pa, dei servizi sociali e assistenziali a dimostrazione del fatto che, osserva la segretaria generale della Fp Cgil, Serena Sorrentino, "il blocco delle assunzioni ha spostato al di fuori del rapporto di lavoro pubblico fette di lavoro che tra appalti, esternalizzazioni e precariato hanno tolto opportunità di impiego stabile a tanti e prodotto diseconomie, il cui prezzo lo hanno pagato i lavoratori e i cittadini".

Secondo Sorrentino, inoltre, "c'è una grande sperequazione tra le qualifiche per le quali i Comuni hanno fatto ricorso ai voucher che dimostra quanto rinnovare il contratto e aggiornare i profili professionali sia una necessità ma soprattutto quanto sia improcrastinabile lo sblocco delle assunzioni". Su questo punto la segretaria generale della Fp Cgil ricorda il varo del Testo Unico sul lavoro pubblico, previsto dalla riforma Madia, nel corso dell'ultimo Cdm: "Il nuovo Testo Unico - afferma - in coerenza con l'accordo sottoscritto il 30 novembre scorso, deve dare risposte ad entrambi i temi: stop alla precarietà e nuove politiche di reclutamento; ma il Governo deve dare risposte ai lavoratori pubblici anche sul fronte del rinnovo dei contratti, garantendo le risorse per assunzioni e incrementi delle retribuzioni". Ed è in ragione di questo che "la Funzione Pubblica è in prima linea per la campagna referendaria della Cgil #ConsSì, perché voucher e appalti attraversano tutto il mondo dei servizi pubblici, ed è in campo per il rinnovo dei Contratti di lavoro, unica vera svolta per la Pubblica amministrazione", conclude Sorrentino. 



  1. Stampa
 

Noi Effepi

 

 
 

 
 

 
 

 
 

 
 
 

 

  1. RT @SusannaCamusso: Ci sono commentatori e giornalisti che scambiano scelte sindacali @cgilnazionale su #previdenza come sponda politica aâ€... 10 ore fa 21/11/2017 19:54 933046046795685889
  2. RT @fpcgilromalazio: Niente mense per i pompieri: lavoratori a rischio nell'appalto. Per i Vigili del Fuoco un altro diritto negato. Per sâ... 12 ore fa 21/11/2017 18:34 933025933472227329
Join the conversation
 


Lavoro Pubblico