Province: Fp Cgil, sono al collasso, intervenire con urgenza

22 dicembre 2016

Province: Fp Cgil, sono al collasso, intervenire con urgenza


‘Salvaguardare lavoro e servizi ai cittadini’

Roma,
9 dicembre – “Un quadro sconfortante e di assoluta indeterminatezza
delinea lo stato in cui versano Province e Città Metropolitane, oramai
al collasso, a due anni e mezzo dall’approvazione della legge Delrio e a
pochi giorni dall’esito referendario”. È quanto si legge in una nota
della Fp Cgil Nazionale in merito all’appello lanciato dall’Upi al
presidente della Repubblica Mattarella sullo stato in cui versano le
province.

Enti che, spiega la Funzione Pubblica Cgil, “come
rilevato dalla stessa Upi, si trovano sull’orlo del collasso
finanziario, molte già ampiamente nel baratro, per effetto dei tagli,
con dipendenti che subiscono, in ragione dello sforamento ovvio del
patto di stabilità, decuratazioni pesanti al salario e con il
restringimento progressivo dei servizi offerti. Le province sono in
mezzo al guado e mai come adesso con una prospettiva di futuro
totalmente incerta”.

Secondo la Fp Cgil “per ovviare allo stato
di collasso e per poter garantire un’offerta adeguata di servizi ai
cittadini, bisogna intervenire sulle risorse, azzerando il taglio di un
miliardo previsto per il 2017 e restituire a Province e Città
metropolitane le stesse capacità assunzionali riconosciute al sistema
delle autonomie locali. Ma se questi sono interventi urgenti, serve
offrire un orizzonte a questi enti, integrando le funzioni fondamentali
con altre che per loro natura ormai non possono non essere amministrate
se non in forma sovra comunale. Un modo – conclude la Funzione Pubblica
Cgil – per invertire il declino al quale pare siano condannate queste
istituzioni, un’esigenza non solo dei lavoratori coinvolti ma anche per
quel complesso di diritti e di servizi alle comunità che rappresentano”.

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto